Editor's ChoiceWatchdog

Agenda Bolzano, l’investimento da 1 miliardo spiegato bene

CONDIVIDI SU:

Il programma da oltre 1 miliardo di euro per i miglioramenti della mobilità altoatesina durerà 12 anni, ma la macchina inizia a muoversi. Tra i progetti la terza corsia sulla A22, la nuova linea del tram e le gallerie di Monte Tondo e del Virgolo.

Dopo anni di progettazione, ricerca e modellazione, la lista degli interventi per migliorare la viabilità altoatesina è stata conclusa. Il programma di migliorie e nuove infrastrutture, stilato dall’intesa Provincia-Comune, creerà nuove corsie, sottopassi, gallerie, ponti, stazioni ferroviarie e centri intermodali. Approvato il 17 settembre, il programma di Agenda Bolzano è un virtuoso insieme di lavori che impegnerà i maggiori enti regionali di viabilità: Autobrennero, STA, SASA e RFI.

Naviga nella mappa interattiva per scoprire le schede tecniche dei singoli interventi.

Le opere in programma sono molteplici. I progetti a “breve termine”, come la stazione ferroviaria di San Giacomo e la realizzazione di sottopassi e ponti nella zona industriale, verranno ultimati in circa 3 anni. La spesa più consistente (586 milioni) verrà sostenuta per la realizzazione della terza corsia dinamica sulla A22 sul tratto Egna-Bolzano Nord, opera che richiederà circa 12 anni. Tale operazione rientra nelle competenze della neofondata BrennerCorridor spa, inhouse voluta dalla Giunta regionale per coordinare tutti gli interventi sulla tratta della A22 di competenza di Autobrennero.

Un altro intervento, decisamente innovativo per l’assetto attuale della città di Bolzano, è la creazione di un sistema tramviario. Il percorso sarà lungo 7 chilometri e verrà suddiviso in 17 fermate. A lavori ultimati (si presume entro il 2026) i tram partiranno dalla stazione dei treni per proseguire fino al nuovo centro intermodale di Ponte Adige, passando per Corso Libertà e Ospedale ad una velocità media di 18 km/h. Il progetto costa 120 milioni e verrà finanziato in parti uguali dalla Provincia e dal Comune, subito dopo l’esito delle richieste fondi inviate al Ministero dei Trasporti e all’Unione Europea.

Posiziona il mouse sui cerchi per vedere il costo di ogni opera pubblica.

“Non è una questione di tempo: ogni lavoro richiederà 4, 6, 10 o 12 anni per essere ultimato. Quello che conta è la volontà di mettersi all’opera. Volontà che è stata concretizzata da quest’intesa tra il Comune, la Provincia e tutti gli altri enti coinvolti”, ha detto il sindaco Caramaschi alla conferenza stampa. “Bolzano attende da anni una soluzione ai problemi legati alla viabilità” - ha commentato Kompatscher in un’intervista - “e finalmente si passa dalle parole ai fatti.”

Naviga attraverso la linea del tempo per capire quanto tempo richiederanno gli interventi.

[juxtapose leftsrc="http://economyst.it/wp-content/uploads/2018/12/Bolzano-2006-1920x1080.jpg" rightsrc="http://economyst.it/wp-content/uploads/2018/12/Bolzano-2017-1920x1080.jpg"]

Clicca sulla barra centrale per confrontare la città di Bolzano nel 2006 e nel 2017.

CONDIVIDI SU:

About Author

Data miner, appassionato di giornalismo visivo. Laureato in Scienze della Comunicazione, scrivo di economia, innovazione, tech.